Lomoro (Api) ricorda ai politici che dopo i nomi e' tempo di programmi

 

La spaccatura interna all’Udc, che ha causato la scissione del centro a Modugno in due anime distinte e contrapposte, continua a mietere vittime. Questa volta l’oggetto della contesa e’ l’Api di Santino Lomoro. Da mesi dichiaratamente schierato a sostegno della candidatura di Pinuccio Vasile, ma in contrasto con la linea nazionale che vuole la sigla nel terzo polo, a fianco di Udc e Fli.

“L’Api Modugno – si legge in un comunicato a firma del segretario cittadino Lomoro – auspica un confronto serio e produttivo sui temi dello sviluppo socio-economico-culturale della città da parte di tutte le forze politiche impegnate per le prossime amministrative. Fino ad oggi – continua Lomoro – abbiamo assistito, purtroppo, solo a indicazioni di nomi senza aver discusso dei temi e dei contenuti che supporterebbero le proposte dei candidati sindaci circolati in questi giorni. Gli elettori di Modugno hanno il diritto di conoscere le proposte e i programmi per cui saranno chiamati a scegliere e ad eleggere il nuovo governo cittadino. Pertanto l’Api Modugno – conclude Lomoro – invita i partiti ed in particolare le forze di centro, ad aprire un confronto costruttivo con la cittadinanza, consapevole che la costruzione di una coalizione non può nascere dall’imposizione di nomi all’interno dei partiti ma deve avere la condivisione del progetto ed il consenso dei cittadini”.
Che sia un invito alla “pace” tra Peppino Longo e Pinuccio Vasile nel tentativo di un riavvicinamento? Apparentemente difficile, ma in politica non si sa mai. E intanto l’Api temporeggia sul nome da sostenere.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.