Tedeschi dell'IDV sulle strategie per le amministrative

Tedeschi: “Non presenteremo nessuna candidatura per non confondere ulteriormente gli elettori modugnesi. Prima dei nomi è fondamentale sottoscrivere un progetto condiviso da tutte le realtà della coalizione, in cui risultino chiare le regole”.

Il centro sinistra sembra ormai orientato verso le primarie per la scelta del candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative. Cosa ne pensa?
A quanto abbiamo potuto vedere, non tutto il centro sinistra sembra orientato verso le primarie. Noi riteniamo che le primarie rappresentino davvero un motivo di discontinuità con il passato dando la parola ai cittadini coinvolgendoli in maniera partecipativa. Cosa strana è che abbiamo visto una certa ritrosia nei confronti delle primarie da parte di un partito come quello di Sinistra Ecologia e Libertà dimenticando che il loro leader nazionale ne ha fatto uno strumento principale di partecipazione democratica. Se Vendola ha saputo essere interprete così forte di questo strumento, non capisco perché a Modugno si storca il naso.
 

Quali sono secondo lei i pregi ed i difetti dell’attuale esperienza di governo? Se e dove ha sbagliato e cosa ha fatto di buono negli ultimi 8 anni.
Noi abbiamo sempre avuto un atteggiamento critico nei confronti di quest’amministrazione caratterizzata prevalentemente da una corsa alle poltrone che non ha fatto altro che ingenerare nei cittadini confusione ed allontanamento dalla politica stessa. Si parla tanto di avvicinare il cittadino alla politica ma poi si fanno scelte critiche come ad esempio, l’odierno consiglio comunale nel quale è difficile identificare chi sia maggioranza e chi l’opposizione. O scelte amministrative e provvedimenti che non ci hanno visto per niente concordi come la designazione a presidente del consiglio comunale del candidato sindaco del centro destra e l’altro oppositore addirittura nominato come direttore generale. Figura, quest’ultima sia scelta mediante modifica del regolamento comunale, sia a nostro parere superflua a Modugno. La normativa vigente, infatti, l’ha eliminata. La domanda che vogliamo porci in questo momento, come Italia dei Valori, è: ma qual è il centro sinistra? Alla luce deltrasformismo che ha caratterizzato l’amministrazione Rana, siamo un po’ preoccupati quando cerchiamo di capire cosa intendiamo con centrosinistra.
Dal momento della nomina del direttore generale abbiamo assunto una posizione critica nei confronti di questo centrosinistra sostenendo che se questi sono i modi di governare del centrosinistra, allora noi, con questo centrosinistra non ci stiamo. Alla luce di questi provvedimenti aggiunti a ritardi nei lavori amministrativi come ad esempio il mancato reperimento dei fondi per la riqualificazione delle periferie risalente a due anni fa, non colto per motivi che ancora non sono stati chiariti. Aggiungiamo poi la buffonata politica del governo istituzionale che altro non era che un modo per guadagnare un anno di governo utilizzato da Rana per accontentare ancora qualcuno e continuare a governare mostrando solo un forte attaccamento alla poltrona. Rana sarà pure stato un sindaco in grado di governare per 10 anni ma non lascerà un segno positivo.

Pensiamo alla situazione attuale dei partiti: il cambio della segreteria del Pd con il nuovo segretario Lilly Del Zotti è stato caratterizzato da un documento in cui questa segreteria si pone con forte dissenso con l’attuale amministrazione e non riconosce come necessaria la figura del direttore generale. Alla luce di queste posizioni, quali sono i rapporti con il Pd?
Il Partito Democratico ha con noi una corsia preferenziale, considerata anche la linea del partito a livello nazionale. Tuttavia se ci rendiamo conto che sul territorio questo partito è contraddistinto solo da accaparramento di posti, assessorati, dirigenti, direttori generali, incarichi legali, non può bastare l’atteggiamento di un segretario che non sostiene di non condividere. Abbiamo bisogno di un chiaro segno d’inversione di tendenza. Abbiamo chiesto all’attuale segreteria del Pd un documento da scrivere in maniera congiunta che condanni il modo di fare politica dell’attuale amministrazione. Condanna anche dell’istituzione della figura del direttore generale inopportuna sia perché inutile al territorio, sia perché rappresenta colui che era il principale antagonista del sindaco nelle scorse elezioni amministrative. Questa commistione infine allontana il cittadino sempre di più sballottolandolo da un partito ad un altro. Noi vogliamo che il centrosinistra riparta con il piede giusto. Modugno oggi sta vivendo uno scenario schizofrenico dovuto ad una corsa a candidarsi a sindaco. Ogni leader più o meno tale ritiene di mettere su una coalizione e costituire l’alternativa giusta per Modugno. Noi riteniamo che sia necessario partire da alcune regole comuni a tutti partendo da quelle forze che si riconoscono nel centro sinistra spostando questo asse riguadagnando il centro.

A tal proposito, quali sono i rapporti con l’Udc?
Non possiamo non tener conto di un partito come l’Udc che, di fatto, sta all’opposizione. Se lo scopo è quello di mettere su una proposta politico programmatica che debba competere sconfiggere il centro destra, io credo che tutte le forze che si riconoscono intorno a questo progetto debbano incontrarsi e capire se si possa affrontare questo progetto comune. Lasciando perdere oggi il candidato sindaco. Se scegliamo da subito il candidato sindaco come possiamo pretendere che vi sia un’apertura da parte degli altri partiti? L’Ucd, che ha scelto strategicamente di ufficializzare il proprio candidato sindaco, fermi un attimo le bocce tenendo un attimo da pare il nome del candidato.

Ci descriva il profilo del candidato sindaco ideale.
Noi riteniamo che a Modugno non serva l’uomo della provvidenza anche perché, obiettivamente, uomini della provvidenza a Modugno non ce ne sono. Rana lo ha rappresentato per certi versi e abbiamo visto com’è finita. È importante quindi sottoscrivere un “Progetto comune” con delle regole, tra cui risulti indispensabile lo strumento delle primarie. Ogni forza della coalizione ha il diritto di esprimere il proprio candidato sindaco ma dovremmo permettere anche alle associazioni attive sul territorio di esprimere un loro candidato sottoscrivendo però il progetto comune di cui abbiamo parlato. Il programma definitivo lo si andrà a sottoporre agli elettori con il candidato sindaco che risulterà vincitore delle primarie. È importante incontrarsi subito però. La nostra impressione è che qualcuno stia tirando a campare per dire alla fine: “Questo è e questo ci dobbiamo tenere”. Noi non vogliamo stare a questo gioco perché vogliamo vincere ma non per il gusto di vincere. Vogliamo vincere con il candidato sindaco che sia il migliore possibile ed il più forte possibile. Questo è quanto diranno le primarie. Un’altra idea è che insieme al nome del candidato sia proposta una squadra di governo. Esistono uomini che hanno una gran conoscenza della macchina amministrativa e soprattutto una spiccata qualità etica. Per noi l’etica in politica è importante quanto la capacità amministrativa. Se riuscissimo ad individuare un uomo dotato di queste caratteristiche che sia in grado di gestire al meglio la cosa pubblica e anche delegare opportunamente ai membri della sua squadra mansioni di loro competenza perché uomini capaci che hanno un’idea chiara dello sviluppo del loro settore, riteniamo di poter dare al cittadino l’idea di un’operazione positiva ed utile a questa città. Con questo non vogliamo dire
che siamo per un governo tecnico. Riteniamo che se un partito concorra insieme ad altri per la vittoria debba avere anch’es
so la responsabilità di governare. Allo stesso modo però diciamo che se questo partito è in grado di proporla già prima del voto forse si eviterebbero tutte quelle manfrine tipiche di chi pone veti e paletti alle decisioni del sindaco per aprire una fase di contrattazione che non fa altro che rallentare la macchina amministrativa. Sarebbe un’operazione di trasparenza che mostrerebbe cosa significa davvero fare buona politica.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.