Strisce pedonali in via d’estinzione sulle strade del q.re Cecilia

 

Il caso della signora Grimaldi: investita da un’auto ad un incrocio ha rischiato di avere torto. In Zona Cecilia scompaiono le strisce pedonali. Indis­pensabili per i pedoni e anche per gli automobil­isti, questi semplici segni sull’asfalto servono a salvare la vita di coloro che, temerariamente, ten­tano di attraversare quei pericolosi fiumi di mac­chine che sono le strade.

Invisibili o, a volte, da interpretare. Sbiadite, prive di contorni. È un fenomeno comune, pur­troppo, in molte zone del quartiere Cecilia. Soprat­tutto in incroci perico­losi come quello di via Molise o di via Lom­bardia. Nell’intento di favorire la circolazione e snellire il traffico, cos­truendo una rotonda e aree spartitraffico di una strada, come quella di via Molise, che corrisponde all’arteria principale che collega la zona Modugno all’Ospedale San Paolo, ci si è dimenticati di ri­calcare le strisce pedon­ali che, già prima della messa in opera dei lavori sulla strada, assolvevano egregiamente il loro com­pito.

“La situazione in via Lombardia è ancora più grave – afferma Giuseppe Loiacono, un residente della zona Cecilia che vive sul territorio da più di 20 anni – soprattutto perché in zona c’è un asilo ed io, quando vado a prendere mio nipote, non mi sento tranquillo”. Ma il problema delle strisce pedonali fantasma risale a tempi remoti. “Sono cinque anni che il Co­mune di Modugno non rifà le strisce pedonali – testimonia il consigliere circoscrizionale Vito Ca­mastra – Forse si dovreb­be pensare maggiormente a ciò che è necessario per i cittadini e lasciare da parte il superfluo”.

Il problema non è da sot­tovalutare. La pericolosità di strisce pedonali sbia­dite può essere testimo­niata dalla signora Rosa Grimaldi che, proprio in una di queste strade, ha rischiato di essere investita. “Stavo attra­versando sulle strisce pedonali – ha commen­tato la signora Rosa – quando una macchina, non rispettando lo stop, mi ha quasi travolta. “Sono caduta riportando delle lesioni non gravi al ginocchio. Ho cercato di fare causa al proprietario della macchina – ha ag­giunto la signora ancora spaventata – ma il mio avvocato mi ha detto di lasciare perdere perché se le strisce pedonali non erano visibili il con­ducente avrebbe potuto anche vincere la causa”. In definitiva un prob­lema semplice con una facile soluzione: un po’ di pittura bianca e la sicurezza potrebbe es­sere ristabilita.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.