Modugno X-III – MDCCXCIX V/S X – III – MMXX

Calmi, state calmi, non è la formula del vaccino antiviruscorona e nemmeno il vecchio sogno dei risultati della schedina vincente del totocalcio; è l’innocuo passatempo di un nullafacente costretto sul divano di casa da un altro tipico prodotto cinese. Oggi si commemora il CCXXI anniversario dell’assedio di Modugno ad opera di una sessantina di armati, guidati da un gioiese, Francesco “Ciccio” Soria. La storia di quegli avvenimenti è stata più volte raccontata in maniera tanto esauriente per cui è possibile evitare un ulteriore replica.

Quello che si può fare invece è trovare delle similitudini fra gli avvenimenti attuali e quelli dell’epoca.

Nel 1799 Modugno, aveva aderito alla Repubblica Napolitana, (con la i) e in quei giorni difendeva la sua “giacobinità” dagli assalti dei “Sanfedisti” del Cardinale calabrese Fabrizio Ruffo. Antenato di quel Rosario M. Ruffo, commissario prefettizio che ha guidato l’amministrazione comunale dopo i tragici avvenimenti del 2012? Non si sa, non è dato sapere, ma è una coincidenza interessante anche se contrastante: il Cardinale si opponeva ai giacobini, il Commissario è andato via e sono arrivati i similgiacobini.

A Modugno – in quell’anno di fine secolo che vide la fine dell’Ancien Régime con i sanguinosi distacchi dagli augusti colli di varie teste coronate – i difensori civici videro apparire in loro soccorso una donna di nero vestita (la Madonna, venerata dagli assedianti sanfedisti, presumibilmente, le aveva demandato il ruolo di difensore della città) che, come raccontano le cronache del tempo, deviò i pericolosi proiettili sparati verso di loro. Oggi X-III-MMXX, a Modugno, con l’obbligo ai domiciliari, i modugnesi in questa ultracentenaria ricorrenza non possono fare altro che affidarsi davvero all’opera protettrice della Madre di tutti i credenti per tornare a superare la soglia di casa senza incorrere in pene capitali. Ancora di più ci si affida ai poteri celesti per non incorrere nella manzoniana accusa di “untori” del micidiale virus cinoitaliano.

Non ci resta che piangere, come diceva …. (non mi ricordo chi) e sperare in ogni caso che in questo anno bisestile, fra le tante disgrazie che si prospettano per i prossimi mesi, ci sia una lieta scadenza, quella definitiva dei governi similgiacobini che amministrano la nazione, la regione e il comune.

Eh Madonna meh, a te si affida Modugno anche oggi.

Paolo De Benedictis

10 febbraio, giorno della memoria


Domani, domenica 10 febbraio – alle ore 9,00 – nel cimitero di Modugno, ci sarà la commemorazione del nostro concittadino Paolo De Benedictis, trucidato – da una banda di ladri travestiti da “resistenti” – a Valdobbiadene nel maggio del 1945; la guerra era finita già da molti giorni.
Alla celebrazione, in memoria del sottotenente della RSI, è prevista la presenza di rappresentanti dell’amministrazione cittadina.
Per ricordare il martirio di Paolo De Benedictis, si dimostra ancora indispensabile leggere “PAOLO DE BENEDICTIS – un martire dimenticato” di Pino Tosca.