Il consiglio comunale a Modugno

Ieri sera con mostruosa puntualità(!) ovvero con solo due ore di ritardo e dopo una lunga serie di riti burocratici ha avuto inizio il tanto atteso consiglio comunale. In sala era presente la gran parte dei consiglieri e quindi la seduta è stata dichiarata valida.

 

I rappresentanti dell’opposizione, “la minoranza”, purtroppo non era al completo, ma questa è un’altra storia. Sugli scranni della governance mancava qualche assessore, latitavano i dirigenti di settore e il presidente dei revisori dei conti semplicemente non c’era. Il parterre non era certo “de rois”, pubblico presente – quattro “gatti”. Fuori dalla sala, lungo la balconata di Palazzo S. Croce, balzava agli occhi l’enorme numero di mozziconi di sigaretta buttate per terra; no comment. Il presidente del consiglio, impeccabilmente vestito per l’occasione, jeans e camicia, ha cominciato a leggere l’odg. composto da otto punti; allarme: quando finirà questo consiglio?

Un consigliere di minoranza (Romito) ha subito interrotto il presidente Scippa, ponendo “all’attenzione del consiglio e anche del pubblico, perché, visto che i soldi sono anche loro, i cittadini devono essere informati che in aula non ci sono le bottigliette di acqua e che ho usato una parte del mio gettone di presenza per comprarne una”. A tale così importante argomentazione il presidente Scippa ha ampiamente spiegato che la causa di tale mancanza era dovuta ad una lunga serie di inghippi burocratici (non c’era nessuno disposto ad andare al supermercato a comprare due faldoni di bottigliette di acqua in pvc), assicurando il consigliere che a breve sarebbero arrivate, come in effetti è accaduto, missione compiuta e arsura chetata.

Ma il presidente del consiglio ci ha tenuto ad informare il consiglio tutto e anche i presenti che è l’ultima volta che in aula si sarebbero viste le bottigliette di acqua in pcv, “dalla prossima seduta ogni consigliere avrà una brocca di vetro”, si presume piena di acqua, che sarà attinta da un paio di fontanelle portatili refrigeranti, tipo america, perche è ora che i cittadini di Modugno si abituino a non usare la plastica e noi tutti dobbiamo iniziare a dare l’esempio. Più o meno con queste parole si è chiusa la parentesi delle bottigliette d’acqua in pvc. Il presidente Scippa a questo punto annuncia che finalmente è stata nominata la commissione ambiente, composta da un membro di maggioranza e uno di minoranza, Mastromarco e Tedeschi, e chiede di votare tale provvedimento.

Il Consigliere di minoranza Cavallo chiede dei chiarimenti, vuole sapere se questa votazione palese è definitiva o no? Il presidente chiarisce che non lo è. Fra i vari interventi, per congratularsi con i due consiglieri nominati e prima della votazione di tale provvedimento, il consigliere Tedeschi chiede la parola per ringraziare i consiglieri dell’onore concessogli, ma i suoi colleghi lo fermano, “non si è ancora votato, quindi non sei stato ancora ufficialmente nominato” tutti a ridere. E’ stato letto il primo punto dell’odg. “Regolamento per la disposizioni dell’utilizzo delle palestre scolastiche, locali e parti pertinenziali di proprietà del comune da parte di associazioni”. Il consigliere Romito chiede la parola e fa notare che nel regolamento, chi sa perchè, chi sa per come, non si faceva riferimento anche ai cittadini diversamente abili. Lo stesso consigliere poi dichiara di aver redatto tale regolamento insieme all’assessore Di Ciaula, che annuisce con il capo dalla sua postazione. Si va avanti.

Il consigliere Maurelli, sempre di minoranza, ha sollevato il problema del no profit da parte delle associazioni che sinora hanno occupato le palestre delle scuole, facendo specificatamente riferimento alle scuole di ballo che, secondo il regolamento di dette associazioni, nel momento in cui chiedono una quota di adesione ai loro soci, non sono più “no profit” ma chiaramente si approfit! Oltre al fatto scandaloso, definito dallo stesso consigliere “una porcata”, che una associazione usa la palestra assegnata, addirittura come abitazione personale del presidente, e questo fatto “è risaputo in tutta la contea”, parole testuali del consigliere. Il consigliere Cavallo ha aggiunto che ci sono anche altre associazioni che si dicono no profit ma che tali non sono. La minoranza ha chiesto con forza, quasi battendo i pugni, di rivedere tutte le posizioni.

La replica del sindaco, è stata dura, ha sollevato per aria una serie di denunce che ha fatto personalmente, per situazioni delle quali man mano è venuto a conoscenza, “invito i consiglieri ad essere coerenti e a farsi coraggio schierandosi al mio fianco alla resa dei conti.” Il presidente Scippa per tali emendamenti al regolamento ha chiesto una sospensione di quindici minuti, per discuterne a porte chiuse. Prima della sospensione, fra il pubblico, un cittadino si è messo a urlare contro il sindaco, per il caso delle Mantellate, minacciando e gridando; sono intervenuti i vigili urbani che lo hanno fatto calmare, spiegandogli che il pubblico non può intervenire. La seduta è stata sospesa. Rientro in sala. Si riprende con modi più pacati. Chiede la parola il consigliere di maggioranza Liberio che con tono ironico, rivolgendosi al sindaco, gli chiede espressamente “ma è lei il sindaco di Modugno?” e quindi prosegue nel suo intervento ribadendo che è la prima volta che esiste un regolamento che disciplina le concessioni in comodato d’uso gratuito da parte del comune alle associazioni.

Si passa al punto tre – Debito fuori bilancio per il decreto ingiuntivo contro il comune di Modugno da parte del dott. Raffaele Paparella, relaziona l’assessore al Bilancio dott. Paolo Marra che prende la parola e appena inizia a leggere viene interrotto dal consigliere Cavallo che chiede, per l’ennesima volta come mai i dirigenti di settore e il presidente dei revisori dei conti non sono presenti? Il presidente del consiglio delucida “ il presidente dei revisori dei conti è fuori città, quindi per ciò non è presente, per quanto riguarda i dirigenti li abbiamo chiamati per telefono, stanno arrivando”. Su questa questione e in attesa degli arrivi dei dirigenti alle 22.40 c’è un’altra sospensione. Buona notte.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.