Parte a Bitetto la XIX sagra dell'oliva termite

alt

il programma della manifestazione

Apre i battenti l’edizione 2011 dell’evento bitettese che segna la fine dell’estate e che rappresenta il momento più atteso dalle realtà agricole locali per un confronto ed una informazione sulle novità normative comunitarie e sulle nuove tecnologie produttive.

L’oliva dolce della varietà “Termite” è un prodotto tipico della olivicoltura per frutti da mensa, da tempo riconosciuta per le sue particolari caratteristiche organolettiche quali il sapore, la fragranza, la sua polpa consistente e la forma tondeggiante. La varietà di olive da tavola “Termite di Bitetto” è autoctona di quel territorio e la sua produzione, da lì, si è estesa nei comuni di Bitonto, Bitritto, Grumo Appula, Modugno, Palo del Colle, Sannicandro di Bari e Toritto; la sua raccolta è compresa tra il 20 di agosto e il 30 di dicembre.

La sagra consente alle aziende agricole locali di esporre le pregiate olive allo stato naturale o nei tipici vasi a varie forme, lavorate e farcite in tanti modi tradizionali, pronte per la degustazione. Ai turisti ed a tutti coloro che, allettati dalle attrattive della sagra, si riverseranno numerosi, verranno fatte degustare le olive, fritte o accompagnate da bruschette o pane fatto in casa. L’evento, organizzato dall’Associazione Culturale “Passo Avanti” e patrocinato dal Comune di Bitetto, prevede una due giorni in cui si alterneranno conferenze a tema, musica, sport, spettacoli di danza e cabaret, il tutto all’interno di stand gastronomici dei produttori olivicoli e di artigianato locale.

Regina della sagra, ovviamente, è l’oliva Termite di Bitetto, particolarmente saporita con duplice funzione, visto che può essere consumata sia come oliva da mensa che esser utilizzata per la produzione dell’olio per la sua buona resa. Da evidenziare nella serata di sabato 16 settembre alle ore 19:15 il Corso di Analisi Sensoriale dell’Olio d’Oliva, a seguire uno spettacolo di danza “Alice nel paese delle meraviglie” e tre ore intense di cabaret a cura dei comici Luciano Lembo di Colorado Cafè e Gabriele Cirilli di Zelig.

Anche per la domenica si prospetta un ricco programma. In mattinata alle ore 09:15 si terrà il IV Trofeo Ciclistico San Giuseppe in collaborazione con la Società Operaia di Mutuo Soccorso, alle ore 10 visite guidate “Chiese Aperte” a cura dell’Archeoclub Bitetto, ed in serata alle ore 20:00 verrà presentato il progetto “Adotta un albero di olivo secolare”, seguito dallo spettacolo musicale che vedrà protagonista la Cover Band di Ligabue “Sopravvissuti e Sopravviventi”.

L’obiettivo della Giunta è quello di favorire la nascita a livello locale di un coordinamento che curi iniziative socio-economiche con lo scopo di sensibilizzare le imprese locali a fare “business” e a promuovere la cultura dell’integrazione imprenditoriale. Quindi non più una mentalità individualistica ma un progetto che unisca e renda più competitive le locali imprese agricole sui mercati nazionali ed europei. “Come Amministrazione Comunale – spiega il Sindaco, dott. Stefano Occhiogrosso – stiamo lavorando ad una strategia che, attraverso la promozione del territorio e del turismo, con le sagre, dove al centro ci sono i nostri prodotti tipici e con il marketing territoriale, riesca a rilanciare le nostre imprese locali in un’ottica nazionale. Le istituzioni devono essere il pilastro portante su cui costruire tutto questo.”

“Presto la nostra oliva varcherà le soglie del Mediterraneo e dei paesi Europei. Un’oliva che è parte integrante di un progetto che mira a rilanciare l’agricoltura locale in un contesto internazionale. La sagra è l’occasione per far conoscere e apprezzare un prodotto tipico locale, di grande qualità e genuinità, dalle caratteristiche organolettiche uniche. Nella politica delle iniziative – conclude il comunicato del delegato alla Comunicazione Istituzionale, ing. Onofrio Damone – a sostegno della sicurezza alimentare e della valorizzazione del territorio nel suo significato più ampio, la sagra dell’oliva “Termite di Bitetto” si inserisce perfettamente e ne costituisce, anche per la sua lunga tradizione, uno degli appuntamenti più importanti dell’hinterland barese”

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.