Filippo che fai?

altSalta un’altra tessera del mosaico politico modugnese. Sono passate solo tre settimane dalle dimissioni di Pinuccio Vasile ed un altro aspirante al ruolo di primo cittadino si è dimesso.

 

Filippo Bellomo candidato a sindaco UDC nelle elezioni che hanno visto eleggere l’ingegner Domenico Gatti alla carica di primo cittadino, questa mattina alle 11,40 ha protocollato le proprie dimissioni. La notizia ha sorpreso la base del partito che aveva incontrato l’ex assessore con delega alle attività produttive, nonché vicesindaco, nei giorni scorsi.

Questa sera nella periodica riunione del direttivo dell’UDC cittadino saranno sicuramente chiariti i motivi delle dimissioni. Stando alle notizie raccolte, alla base del gesto di Bellomo ci sarebbero motivi strettamente legati alla sua persona, aggravati da un senso di sfiducia nel positivo procedere della giunta Gatti. Per Filippo Bellomo il mancato funzionamento dell’amministrazione, la scarsità di risultati insieme al senso di impotenza politica in cui ultimamente si è venuto a trovare, hanno fatto venir meno la voglia di continuare il suo percorso politico che lo vede presente a palazzo Santa Croce, ininterrottamente, dal 1995.

Il consigliere regionale Longo si è detto dispiaciuto dell’abbandono di Bellomo e di aver accettato le sue dimissioni con rammarico dopo aver tentato di convincerlo a rivedere le proprie decisioni. Giungono già però commenti non certo teneri nei confronti dell’ex vicesindaco. Molti sospettano che alla base della decisione di Bellomo vi sia un progetto politico a medio termine: accelerare, dimettendosi, la caduta della giunta Gatti e presentarsi nei panni di candidato sindaco alle prossime elezioni. Ipotesi fantasiosa visto che si è dimesso da una carica istituzionale senza averne prima concordato i tempi e i modi con il proprio partito e questo in politica somiglia molto ad un tradimento; a meno che il buon Filippo non abbia già raggiunto un accordo importante con qualche altro gruppo politico di rilievo a livello regionale, che gli ha assicurato sorti luminose e progressive migliori. Per chi lo conosce sembra fantapolitica.

A molti che ci hanno chiamato per avere notizie vengono in mente i versi di una canzoncina infantile nella quale tre porcellini chiedevano in coro al lupo cosa stesse facendo e chiedono a Bellomo: Filippo che fai?

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.