A Modugno i bambini 'piantano sogni'

alt

Un momento della manifestazione

Un mandorlo per sognare un futuro migliore. Lo hanno piantato nel cortile della loro scuola, i piccoli alunni della De Amicis, durante la manifestazione “pianta un sogno” organizzata dal Wwf in collaborazione con il gruppo Auchan.

L’iniziativa rientra nel progetto Panda Explorer che ha coinvolto 51 scuole italiane. Piantare un albero come simbolo dell’impegno verso l’ambiente nell’anno internazionale delle Foreste. Un’iniziativa destinata in tutto il Paese a 125mila bambini. Il mandorlo è stato l’albero simbolo di tutti gli istituti del Sud, mentre nelle scuole del Nord hanno piantato un ciliegio, e in quelle del Centro Italia il pesco. Alla manifestazione, accanto a centinaia di bambini che sventolavano fiori di carta colorati, erano presenti insegnanti e rappresentati delle istituzioni. A fare gli onori di casa la dirigente scolastica, Margherita Biscotti, accopagnata dai promotori dell’evento, Maria Panza (Wwf) e Felice Tinelli (direttore Auchan), che ha accennato alla collaborazione col Comune di Modugno per lo smaltimento degli oli esausti e la raccolta differenziata, ricordando anche che, abolendo le buste e passando ai sacchetti di carta, si possono risparmiare fino a 1500 tonnelate di plastica all’anno. Dopo i canti dei piccoli studenti, una lettera indirizzata dall’albero ai ragazzi (letta della dirigente scolastica) e il saluto del sindaco, Mimmo Gatti, un gruppetto di alunni ha provveduto, aiutato da un giardiniere esperto, a piantare il mandorlo in una buca appositamente realizzata in cortile. “Ci affidiamo a voi – ha detto il sindaco rivolgendosi agli alunni – che piantate oggi il segno di un mondo migliore, più verde, più sostenibile”. A parlare ai ragazzi di rispetto dell’ambiente, dell’importanza della natura e del difficile compito che avranno le future generazioni nella lotta all’inquinamento, anche gli assessori comunali Roberta Chionno, Elena Di Ronzo, Leonardo Bozzi e Saverio Vacca.

 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.