IMMACOLATA CONCEZIONE

Si celebra oggi 8 dicembre la solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria;  « […] dichiariamo, affermiamo e definiamo la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria nel primo istante della sua concezione, per una grazia ed un privilegio singolare di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo, Salvatore del genere umano, è stata preservata intatta da ogni macchia del peccato originale, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certo ed immutabile per tutti i fedeli»; queste sono le parole che concludono l’enciclica e proclamano solennemente il dogma cattolico proclamato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854, con la bolla Ineffabilis Deus, che sancisce come la Vergine Maria sia stata preservata immune dal peccato originale fin dal primo istante del suo concepimento; (da non confondere pertanto con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria).

Il dogma non afferma solamente che Maria è l’unica creatura ad essere nata priva del peccato originale – e cioè dal momento del suo concepimento da parte dei genitori, S. Anna e S. Gioacchino – ma aggiunge altresì che Maria, in quanto ritenuta madre di Dio, per speciale privilegio non ha commesso nessun peccato, né mortale né veniale, in tutta la sua vita.

L’8 dicembre del 1857, papa Pio IX, inaugurò e benedisse a Roma , il monumento dell’Immacolata, detto di Piazza di Spagna, (in realtà fu realizzato nell’adiacente Piazza Mignanelli). Papa Pio XII come omaggio alla Vergine nel giorno dell’Immacolata Concezione inviava dei fiori da porre alla base del monumento ed il suo successore, papa Giovanni XXIII, nel 1958, uscì dal Vaticano e si recò personalmente in Piazza di Spagna, per deporre ai piedi della Vergine Maria un cesto di rose bianche. Tale consuetudine continua ancora oggi con la deposizione al culmine del monumento di una corona di fiori posta ad opera dei vigili del fuoco di Roma. 

I modugnesi possono venerare la Madre di Dio nella bellissima nuova chiesa in via della Repubblica. 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.