Ferrulli contro Gatti per il degrado ambientale

 

Il “Ferrulli Furibondo”. E’ cosi che si presenta il presidente della Consulta Comunale Ambientale nel day- after la biciclettata in Zona Misciano.

 

Biciclettata che oltre alla presenza di circa 200 manifestanti ha visto anche la presenza di un elemento comune in tutto il percorso effettuato: i rifiuti. Di ogni genere: inerti, pneumatici, lamiere in amianto, vetri, rifiuti tossici e pericolosi per l’uomo. Insomma una vera e propria discarica a cielo aperto in una zona di “notevole bellezza” come la definì la magistratura barese nell’inchiesta che portò al sequestro dell’inceneritore targato Marcegaglia. La sua rabbia Ferrulli la scaglia interamente contro il sindaco Gatti reo di non aver provveduto alla pulizia della zona. E lo fa direttamente sulla pagina facebook “Riscopriamo lama Misciano in…bicicletta” in cui partono dapprima i ringraziamenti per la riuscita dell’evento:” Si ringraziano per l’assistenza i Volontari della Protezione Civile e la Polizia Municipale per l’assistenza prestata per circa 300 partecipanti nonostante i pochi agenti a disposizione. Si ringraziano tutti i Partecipanti nella speranza che l’evento sia piaciuto ed i Consiglieri Michele Mastromarco e Antonello Maurelli per la partecipazione in veste di Capo Nucleo tutela ambientale e cittadino. A loro chiedo di formalizzare apposita interrogazione sul degrado di una zona di elevato valore archeologico su cui Sindaco e preposti dovrebbero dare precise risposte.”

Questo è dunque il Ferrulli parte prima. Poi arriva la prima stoccata al Sindaco Gatti:“Come Presidente della Consulta sento il dovere di non ringraziare il Sindaco per non aver prestato la dovuta attenzione ad una zona di notevole bellezza, ridotta a discarica in cui si deposita di tutto compreso la carcassa del cavallo di troia, il cui valore archeologico e paesaggistico ha impedito la realizzazione dell’inceneritore. Sarà mia premura invitarlo pubblicamente a rendere conto di tutto ciò ai legittimi proprietari della Città di Modugno, ossia, i cittadini!”. Il cavallo in questione è una carcassa ritrovata dagli organizzatori proprio in zona Misciano.

E siccome siamo in tema letterario arriviamo ad un climax ascendente allorché Gatti pubblica una nota sul suo gruppo facebook dal titolo: “Una occasione per visitare i tesori di lama Misciano ed una occasione per alcuni utili idioti per fare polemiche con notevoli punte di codardia”. Qui il primo cittadino fa un sunto di tutto l’iter per arrivare all’organizzazione dell’evento reso possibile “proprio grazie all’attenzione e al contributo che questa Amministrazione Comunale ha riposto, ponendo riparo alla superficialità di qualche utile idiota”. Parole forti, quelle del sindaco. Che però per Ferrulli ha dimenticato di spiegare un argomento centrale nella discussione: perché Lama Misciano si è trasformata in discarica a cielo aperto?. E qui giungiamo al Ferrulli parte terza in cui dalle sue parole sembra di assistere alla follia di Orlando narrata da Ariosto allorché scopre che la sua amata Angelica lo ha tradito. E come un amante tradito, perché cosi si sarà sentito un uomo che ha combattuto da anni contro ogni insediamento inquinante sul suo territorio, Ferrulli si scaglia contro Gatti.

E lo fa anche lui con una nota sempre su facebook:“Caro Sindaco premesso la tua caduta di stile che depone male per chi riveste la carica di primo Cittadino a cui ho poco tempo per replicarti in modo molto circostanziato. Cosa che non mancherò di fare in apposita nota, è doveroso rammentarti che anni fa fu sottoscritto un protocollo d’intesa tra Comune di Modugno e Regione Assetto e Tutela del Territorio sulla tutela delle Lame e sul Piano Paesaggistico, ovviamente disatteso sino ad oggi. Il mio invito è quello a non tergiversare sull’argomento che è la tutela del paesaggio e della lama Misciano ridotta a discarica e, fornire risposte in merito a tali inadempienze del Comune il quale peraltro, è bene precisare, è stato soccombente nei confronti dell’Asi nel merito della competenza sulla pulizia della zona che ricade quasi tutta in territorio di Modugno. Circa la sicurezza dei bambini abbiamo investito il gruppo Volontario della Croce Rossa Italiana di Palo del Colle intervenuto con autoambulanza assistita, cosa che avresti potuto fare tu con l’Univol visto che avevi la preoccupazione dei bambini. Il gruppo della Cri ha scortato tutti i partecipanti durante tutto il percorso compreso il tragitto delle escursioni a piedi. Non siamo sprovveduti! Circa la Consulta per l’Ambiente che ha voluto l’Amministrazione, non siamo entusiasti per nulla, in quanto ad oggi nulla è stato discusso nelle sedute Consiliari. E’ su questo che devi rispondere e non con opinioni personali opinabilissime su cui facciamo le nostre riserve nel merito”.

E cosi si concludeva la singolar tenzone Ferrulli- Gatti- Ferrulli. Almeno per il momento, giusto il tempo di prendere un tè caldo e ricominciare a combattere. Su facebook e pubblicamente. Mentre chi sarebbe preposto alla tutela della Lama Misciano e di tutta la salute dei modugnesi  continua a leggere “articoli di stampa e svariati comunicati con cui si accusa l’Amministrazione Comunale di essersi disinteressata dell’iniziativa. Niente di più falso ed ipocrita!”. E il giogo(co) dei rimpalli va avanti mentre gli amministratori vedono gli amministrati sempre più delusi e arrabbiati da una città che non decolla da nessun punto di vista.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.