E' morto don Giacinto Ardito

Don Giacinto ArditoSi è spento domenica 12 agosto Don Giacinto ARDITO.

Nato il 4 dicembre del 1928 a Modugno, dopo gli studi nei Seminari di Bari e Molfetta, fu ordinato sacerdote l’8 luglio del 1951; aveva completato la sua preparazione all’Università Gregoriana di Roma e alla Cattolica di Milano. Divenne parroco della Parrocchia S. Agostino, successore di don Biagio Trentadue, nell’ottobre 1983.  È stato assistente diocesano dell’Unione Donne di A.C., assistente diocesano della F.U.C.I. e del M.E.I.C., direttore dell’ Ufficio Diocesano “Chiesa della Cultura” nominato da Mons. F. Cacucci.
Attento osservatore della realtà modugnese non lesinava suggerimenti, spesso trasformatisi in direttive, ai propri fedeli. Di indole progressista molti lo ricordano, riconoscenti, quale promotore di iniziative volte al benessere, non solo spirituale, dei suoi parrocchiani.
Nel suo intervento per la giornata delle comunicazioni sociali del 16 maggio 2010 “I mass media e noi: solidali o omologati?” dimostrò ancora una volta la sua capacità di analisi dei mutamenti sociali. 

Riportiamo integralmente il suo intervento.  
“Quello delle comunicazioni è un mondo in costante, rapidissima evoluzione: i mass media, prima ben definiti nella loro individualità, ora si sono come “liquefatti” nel nuovo ambiente tecnologico, azzerando le distanze fra le persone anche se non sempre si trasformano in una vera relazione interpersonale.
Ma oramai i moderni mezzi di comunicazione sono entrati da tempo a far parte degli strumenti ordinari attraverso i quali ci si esprime, si entra in contatto con il proprio territorio, si dialoga molto spesso a più largo raggio. Lo sviluppo delle nuove tecnologie e tutto il mondo digitale, nella loro dimensione complessiva, rappresentano una grande risorsa per l’umanità nel suo insieme e per la persona nella singolarità del suo essere, nonché uno stimolo per il confronto, il dialogo, il rispetto, l’amicizia.
E’ determinante dunque il ruolo dei media con la loro recente e pervasiva diffusione e con il loro notevole influsso: il loro potere sulla società e sugli individui è indiscutibile. Ciò che avviene, in realtà avviene sui media (giornali, televisione, internet); altrimenti, è come se non avvenisse. Nella percezione sociale nessun fatto, sia che accada sotto casa sia che avvenga a migliaia di chilometri di distanza dal luogo in cui viviamo, avviene se non è raccontato e mostrato dai media.
Ciò che occorre nella nostra epoca è sì l’onestà intellettuale di chi informa, ma anche la coscienza critica del ricettore delle informazioni, della società nel suo insieme: operatore della informazione è anche chi riceve il messaggio e non solo chi lo invia.
Tutti protagonisti dunque: solidali sì, ma non omologati.
E’ una rivoluzione culturale, ma è l’unica strada. C’è bisogno di abilità critica.
Il mondo digitale pone a disposizione mezzi che consentono una capacità di espressione pressoché illimitata, apre notevoli prospettive e attualizzazioni, amplia la possibilità di relazioni.
Prendiamo confidenza con un neologismo imposto dal nostro tempo (questo dell’informatica), mettendo in campo tutte le risorse della nostra coscienza e della nostra sensibilità morale, oltre quelle professionali, convinti che la realtà, il più delle volte, non corrisponde a ciò che i media presentano. (Don Giacinto Ardito).

Alle ore 17,00 nella parrocchia S. Agostino si svolgerà il rito funebre. 

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.