Unicuique suum: a ciascuno il suo

comunicato stampa da parte del gruppo consiliare dei MeP, a nome di Maurelli, Mastromarco e Libero

Dopo aver chiuso la partita del debito fuori bilancio con una beffa ai danni dei cittadini modugnesi che pagheranno con il loro portafoglio le negligenze di un funzionario, nel Consiglio  Comunale dello scorso 11 giugno 2012, il sindaco Gatti punisce il Segretario Comunale per non essersi “allineato”, le toglie l’ultima dirigenza e incorona “papessa” del Comune di Modugno l’avvocato dell’Ente, consegnandole 3 settori, ivi compreso quello Contabile-Finanziario. I Moderati e Popolari, pensano che sia più giusto che un chirurgo vada in sala operatoria e un avvocato in tribunale, mentre il Sindaco Gatti con il suo valzer delle dirigenze, il prossimo bilancio del Comune di Modugno lo affida ad un giurista.

Per questo non possiamo continuare a tacere di fronte all’opera di demolizione a danno di competenze, professionalità ed autonomia, che oggi tocca una delle figure più rappresentative  dell’Ente, il Segretario Comunale, garante della legalità, imparzialità e conformità degli atti alla legge. Sono queste per noi le condizioni necessarie per una sana amministrazione che sa  distinguere i compiti di indirizzo politico e azione amministrativa, così come recita la nostra Costituzione (art. 97). Sindaco, non è con le vendette e le punizioni che si amministra una città, né tantomeno con la soggezione e l’acquiescenza del funzionario alla politica che lo nomina. Le priorità per Modugno ed i modugnesi sono bel altre. Mentre lei e la sua amministrazione, pur di  restare a galla, ottusamente immagina il gesto insano ai danni del Segretario Comunale. Un atto che definiamo vile ed ingiusto, inutile se non dannoso per la città.
Grazie

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.