Pinuccio Vasile si è dimesso

altDimettendosi da consigliere comunale Giuseppe Vasile ha dimostrato ancora una volta di essere un politico di livello superiore a quanti negli ultimi anni hanno occupato le poltrone dell’aula consiliare.

 

Fin dalla sua elezione nel ’95 ha raccolto sempre, per sé e per le liste in cui era candidato, numerosi consensi. Non è mai stato simpatico a tutti, ma non si può certo non riconoscergli l’istinto del politico di razza. Ora ha deciso di dimettersi da consigliere perché ha ricevuto un avviso di garanzia: la procura di Bari sta indagando su di lui e altri consiglieri, tecnici e manager comunali insieme all’attuale sindaco Gatti e all’ex sindaco Rana per fatti che partono dal 2003 a oggi. Chi lo conosce e lo accredita di indubbia intelligenza politica ha la sensazione che con le sue dimissioni Pinuccio Vasile abbia voluto precorrere i tempi, che abbia compiuto, lui prima di tutti gli altri, il gesto che da più parti viene richiesto ai politici nostrani; l’atto iniziale di un processo di dissolvimento dell’attuale classe politica modugnese.

Colpevole insieme agli altri sa di essere giunto alla sua fine politica e dà prima degli altri le dimissioni? Oppure è totalmente estraneo alle vicende e si dimette per dare il buon esempio a chi invece è coinvolto nelle indagini? Oppure sono tutti innocenti e dimettendosi prima delle conclusioni delle indagini sta cavalcando l’onda politica della richiesta di dimissioni che dall’interno del PD e dalle varie associazioni di sinistra vengono indirizzate al sindaco Gatti e ai tre consiglieri Scippa, Pascazio e Di Ciaula?

In tutti i casi le dimissioni di Vasile sono un atto di valenza politica, magari molti si augurano che siano irrevocabili, in ogni caso sarà un impoverimento nell’ agone politica modugnese.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.