Consiglio comunale: ok al regolamento sulle mense scolastiche

alt

Un momento del Consiglio comunale

Consiglio comunale come sempre acceso e vibrato, quello di ieri. Due i punti all’ordine del giorno: il regolamento sul funzionamento e fruizione del servizio di mensa scolastica e la discussione delle linee programmatiche proposte dal sindaco. Con 23 presenti e 2 assenti iniziava la seduta che vedeva l’assessore alla cultura, Di Ronzo, relazionare sull’argomento. Il consigliere Di Ciaula del Pd proponeva due emendamenti ai quali facevano seguito quello di Romito(Pdl). Quest’ultimo chiedeva che le visite degli ispettori alle mense fossero senza limite e non due volte al mese per un massimo di due ore come era previsto dalla bozza. Il criterio d’accesso alla mensa, spiegava Di Ronzo, prevedeva “fino a 7500 euro di Isee esenzione. Tra 7501 ai 10000 euro una compartecipazione del 40%, dai 10001 ai 15000 euro il 70% di compartecipazione e dai 15000 in poi il totale del pagamento. Per novembre dovrebbe partire questo servizio.”

Quindi prendeva la parola il capogruppo dei MeP Vasile. Quest’ultimo proponeva di posticipare l’inizio del servizio a novembre per creare posti di lavoro ai disoccupati modugnesi, soprattutto chef, da inserire nelle mense. In seguito venivano proposti emendamenti anche dai consiglieri Del Zotti del Pd e Cavallo dei MeP. Dopo una sospensione di circa trenta minuti riprendevano i lavori. Nelle dichiarazioni di voto, i MeP, tramite il consigliere Cavallo, si dichiaravano “favorevoli al regolamento. Ma vorremmo venisse presa in considerazione la proposta di affidare a cooperative di Modugno la mensa per creare posti di lavoro”.Per il capogruppo del Pd Cramarossa era condivisibile la proposta di Vasile ma non ci sarebbero i tempi per attuarla. All’unanimità veniva approvato con 23 voti favorevoli sia il regolamento sia tutti gli emendamenti proposti.

Si passava cosi al secondo punto. “Sento il malessere dei cittadini – ha detto Gatti – Dobbiamo raggiungere alti livelli di vivibilità. In questo momento possiamo assumere una persona ogni cinque che vanno in pensione. Contiamo di assumere fino alla fine dell’anno 4 vigili urbani, 2 assistenti sociali e 3 geometri. Saranno pochi gli spettacoli culturali che faremo. Ad ottobre partirà Bollenti Spiriti. Ci saranno sale internet e sale incisioni e luoghi di ritrovo per i giovani. Grande richiesta per le piste ciclabili e stiamo pensando ad un ecomuseo che valorizzi il nostro territorio. Per le questioni ambientali sto pensando ad un Piano della salute per capire quali sono le malattie più frequenti a Modugno”. Questo, in sintesi, il discorso del sindaco. Maurelli (MeP) dichiarava “la distanza tra ciò che ha dichiarato e il bilancio appena approvato. Mi dice dove sono le innovazioni tecnologiche nel bilancio? Non vorrei che il coraggio delle scelte fosse solo uno spot”. Quindi l’intervento di Di Ciaula sul tema dell’energia fotovoltaica sui tetti, mentre Del Zotti parlava del progetto di interramento delle Fal che dovrebbe concludersi a fine mandato. Conserva (Udc) auspicava maggiori soluzioni ai problemi senza più rinvangare il passato. Per Vasile “solo fumo negli occhi della gente.” All’una di notte circa si concludeva il consiglio comunale. Ricco come sempre di spunti e pieno di problemi da risolvere.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.