Il comitato Pro Ambiente baluardo della tutela della salute pubblica

Il comitato Pro Ambiente auditore in Regione e in Consiglio Comunale. Il Comitato Pro Ambiente ammesso come “auditore” nei Consigli Comunali che hanno all’ordine del giorno argomenti che riguardano l’ambiente, dai rifiuti all’inquinamento.

L’associazione ne ha fatto richiesta il 7 agosto scorso e solo 5 giorni dopo la Regione ha dato il suo parere favorevole, ammettendo il Comitato a partecipare alle conferenze di servizi regionali inerenti impianti per produzione di energia e smaltimento dei rifiuti e di “audire” lo stesso “in merito alle osservazioni presentate alla procedura di Valutazione di impatto ambientale per la Centrale a turbogas della Sorgenia, l’impianto per lo smaltimento dei rifiuti della Lombardi Ecologia e il termovalorizzatore Ecoenergia”. All’approvazione della Regione è seguito il riconoscimento del Comitato Pro Ambiente come auditore anche in Consiglio Comunale a Modugno tanto che nel giro di un paio di settimane è stato già convocato una prima seduta cosiddetta “aperta”.

In arrivo 10 mln di € per bonificare i siti inquinati

Accordo di programma fra Regione Puglia e Comune di Modugno Coinvolti l’Arpa, il Cnr, l’autorità di Bacino e il Consorzio Asi. Messa in sicurezza e bonifica dei siti inquinati della zona industriale: è l’obiettivo dell’Accordo di Programma fra Regione Puglia, Provincia di Bari, Comune di Bari e Comune di Modugno approvato dalla Giunta pugliese il 20 novembre scorso ma non ancora sottoscritto dagli enti attuatori.

Al progetto parteciperanno anche l’Arpa Puglia, il Cnr, l’Autorità di Bacino e il Consorzio Asi. Il Comune di Modugno vi ha aderito con una delibera di Giunta il 14 maggio 2009. “Si tratta di un’attività pianificatoria che persegue importanti obiettivi di interesse pubblico – ha spiegato l’assessore comunale all’ambiente Giacomo Massarelli – quali l’elaborazione di una mappa delle zone soggette, anche in via potenziale, a rischi di contaminazione della falda, la realizzazione di uno studio di fattibilità per la messa in sicurezza delle acque di falda previa caratterizzazione, ove necessario, dei siti inquinati, la definizione di procedure anche di natura concordata per la caratterizzazione e messa in sicurezza di aree pubbliche e private esposte a rischi, un programma di intervento e, infine, l’istituzione di un Comitato di indirizzo e di controllo per la gestione dell’Accordo di cui fanno parte, appunto, i soggetti sottoscrittori”.

Sul piano tecnico va rilevato che tale Accordo di programma costituisce, indubbiamente, un primo significativo esempio di interventi programmati nel tempo a tutela e eventualmente a rimedio di situazioni potenzialmente o attualmente rischiose per l’ambiente. A seguito di indagini ambientali già effettuate, infatti, in aree comprese nel territorio del comune di Bari ed in quelle comprese nel territorio di Modugno, in particolare nella Zona Industriale, è stata rilevata una situazione di contaminazione diffusa nella falda sotterranea.

Tale rilevata criticità impone l’attuazione di interventi mirati volti alla caratterizzazione messa in sicurezza di emergenza delle acque di falda e la successiva valutazione delle soluzioni tecniche più idonee da adottare per gli interventi di messa in sicurezza e di bonifica della falda al fine di contenere la fuoriuscita dell’inquinamento verso aree circostanti o verso l’ambiente marino costiero.

Molti si domandano i motivi della nomina di Serafino Bruno a City Manager

A Modugno da qualche mese non si fa che parlare d’altro: la nomina di Serafino Bruno, già avversario del sindaco Giuseppe Rana nella corsa alla poltrona di primo cittadino nel 2006, a Direttore Generale. Un incarico da ben ottomila euro al mese per tredici mensilità. Ma com’è andata davvero?

Siamo ad agosto 2009. Più precisamente il 12 agosto. Mentre la città di Modugno sonnecchia e boccheggia, il sindaco Rana avverte un’esigenza talmente urgente da scomodare l’intera Giunta: occorre cambiare il regolamento per assumere il Direttore Generale. Ma quali eventi catastrofici incombevano su Modugno quel 12 agosto? Un attentato in stile kamikaze? Uno tsunami dalla vicina Palese? Un’invasione di cavallette? Leoni feroci scorazzavano per Piazza Sedile? Nulla di tutto questo.

Rana e la sua giunta hanno stabilito che da quel 12 agosto sarà il sindaco a scegliersi il Direttore Generale con un’espressione latina: intuitu personae. Immaginate lo sgomento sui volti degli assessori nel comprendere cosa avesse voluto dire Rana. Ma abbiamo motivi per ritenere che, comunque, sapessero già dell’assunzione di Bruno ad ottobre senza avviso pubblico e senza bando come se si stesse scegliendo un idraulico. Ma la questione più triste dell’intera faccenda risiede nelle motivazioni. O meglio nell’assenza di motivazioni.

E’ scritto infatti nella delibera di Giunta n. 87/09 “che la necessità di modificare il Regolamento dell’ordinamento degli Uffici risiede nell’urgenza di nominare il Direttore Generale” Siamo alla fiera campionaria della pazzia eretta a sistema di governo. La verità é che la nomina di un Direttore Generale é contenuta già nell’accordo PD-UDC del dicembre 2008 col quale nacque l’inciucio in salsa modugnese. E non ci raccontassero che il nome di Bruno non era già circolato. Non possiamo credere che la nomina sia avvenuta leggendo solo il suo curriculum vitae. Totò che voleva vendere la Fontana di Trevi diceva: “Cà nisciun’ è fess’!”. Non sarà latino ma non necessita di alcuna traduzione.