Modugno tra le sei città della prostituzione: 9 arresti

altAssociazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento, induzione e sfruttamento della prostituzione (anche minorile), alla riduzione alla schiavitù e alla tratta degli esseri umani: con queste accuse i carabinieri della Compagnia di Barletta hanno eseguito 9 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale di Bari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo pugliese. A capo dell’organizzazione due andriesi: Salvatore Agresti, 40 anni, e Riccardo Del Zio, 42; a gestire l’attività illecita le loro conviventi: Manuela Ionela Nitu, 27, e Roxana Gratiela Gherghe, 23, entrambe rumene. Braccio destro di Agresti e Del Zio: Nicola Sgarra, 48, di Andria. L’organizzazione si avvaleva poi di un’articolata struttura territoriale. Per questo gli altri arresti sono stati eseguiti oltre che ad Andria (Giovanni Tota, 31 anni) anche a Barletta (Vincenzo Gorgoglione, 58 e Antonio Petruzzelli, 61). In carcere anche il rumeno Stefan Dumitrescu, 28 anni, residente ad Andria, ma domiciliato a Roma. Le zone interessate dall’attività illecita erano le principali arterie stradali di Andria, Barletta, Trani, Corato, Modugno e Palo del Colle. Decine e decine di ragazze rumene (alcune delle quali anche minorenni) costrette a prostituirsi per arricchire l’organizzazione criminale che non solo le gestiva ma le “possedeva” come se fossero una merce e, come tale, oggetto anche di compravendita. Giovanissime donne comprate nella loro terra d’origine (mediamente a 500 euro) portate in Italia, a Milano soprattutto, e da qui smistate in altre regioni a gente senza scrupoli che non solo le avviava con la forza alla prostituzione, ma poi le faceva vivere in stato di schiavitù nelle proprie abitazioni. A chi osava disobbedire veniva inflitta non solo una spietata violenza sessuale e fisica, ma anche la vendita ad altri “protettori”. Quasi impossibile per loro riuscire ad “affrancarsi” dal giro: il prezzo per la loro “liberazione” era altissimo e quasi nessuna era in grado di risparmiare una simile cifra. L’inchiesta nasce quasi per caso, nell’agosto del 2008, con una semplice denuncia di rapina da parte di una prostituta rumena. La ragazza raccontò ai carabinieri di essere stata avvicinata da un’auto con tre individui a bordo che le avevano rubato l’incasso della giornata. Da un riscontro fotografico la giovane aveva identificato uno dei rapinatori nella persona di Salvatore Agresti, perché conosciuto nell’ambiente della prostituzione come “protettore”. La stessa era stata in grado di fornire anche il nome delle “colleghe” protette da Agresti. Ed è stata proprio una di queste che, stanca delle continue violenze fisiche e morali, dalle continue minacce e vessazioni a cui era sottoposta, ha deciso di collaborare. Le prestazioni potevano arrivare a fruttare, se offerte in camere d’albergo, anche 120/130 euro. Ma la compravendita delle prostitute poteva rendere anche 10mila euro. Non solo, il corpo delle ragazze poteva essere utilizzato anche per compensare vecchi debiti, per cui il “creditore” invece che avere la restituzione del denaro otteneva la prostituta, non per una prestazione, ma per sempre. Alle ragazze che si prostituivano, soprattutto per poter aiutare i loro parenti rimasti in Romania, rimaneva meno di un terzo dei guadagni quotidiani, il resto veniva prelevato dall’organizzazione alla fine di ogni giornata. I “protettori” accompagnavano le ragazze sul “luogo di lavoro” e restavano lì fino a quando non venivano eseguite un determinato numero di prestazioni sessuali. Una volta finito “il turno di lavoro” le giovani donne venivano riportate a casa e qui rinchiuse fino all’indomani quando sarebbero state riportate sulla strada. Un’organizzazione che aveva intuito anche il mutamento dei costumi e per tanto si era adeguata: le ragazze venivano fotografate nude e in pose oscene e le immagini diventavano “merce on line”. Gli investigatori sono riusciti a risalire ad alcuni siti sui quali gli arrestati mettevano in vendita le prestazioni sessuali. A gestire la prostituzione “on line”, le conviventi rumene dei due andriesi a capo dell’organizzazione: erano la Nitu e la Gheorghe a inserire sul sito le connazionali “in offerta”, a tenere l’agenda degli appuntamenti, ma anche ad amministrare “la cassa” dell’organizzazione, nonché a reclutare dalla Romania coetanee disposte a venire in Italia, con la promessa di una vita migliore.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.